EuroPartitometro: gioca, rispondi e scopri che elettore sei

EuroPartitometro: gioca, rispondi e scopri che elettore sei

È on line sul sito www.repubblica.it l’EuroPartitometro, sviluppato dall’Osservatorio dell’Istituto Toniolo, Repubblica e Visual Lab.

NOTA METODOLOGICA
a cura di Andrea Bonanomi, Ricercatore di Statistica Sociale, Facoltà di Psicologia, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
a cura di Alessandro Rosina, Professore Ordinario di Statistica Sociale e Demografia, Facoltà di Economia, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

COS’È
L’EuroPartitometro non è un test sul gradimento delle forze politiche, indica piuttosto la vicinanza del rispondente al profilo di elettore dei vari partiti/movimenti costruito su un set di domande (relative a dimensioni valoriali, psicologiche e comportamentali, oltre che a opinioni su temi rilevanti del dibattito pubblico). Consente quindi di individuare quanto l’insieme delle risposte date sia prossimo a quello che caratterizza gli elettori che si riconoscono nelle principali forze in campo alle elezioni europee del 26 maggio 2019.

I simboli presi in considerazione sono quelli che secondo i sondaggi più accreditati ottengono una intenzione di voto superiore a 1,5% e per i quali è stato possibile costruire profili con una certa robustezza statistica. Si tratta in particolare di: Europa Verde, Forza Italia, Fratelli d’Italia, La Sinistra, Lega, Movimento 5 Stelle, Partito Democratico, Più Europa.

Va quindi ribadito che non si tratta di un test completo su tutti i partiti/movimenti, ma consente al singolo rispondente di vedere (qualsiasi sia la sua intenzione di voto, compresa l’astensione), quanto sui temi proposti egli abbia una posizione più o meno simile ai potenziali votanti dei simboli sopra elencati.

Gli utenti rispondono a 15 domande e il risultato viene sintetizzato in una mappa in due dimensioni. Il posizionamento dell’utente stabilisce la vicinanza/lontananza dai simboli (che risultano posizionati sulla base delle risposte alle 15 domande fornite da un campione rappresentativo di oltre 1500 cittadini in età 18-35 anni). Il posizionamento è stato poi successivamente testato anche sugli over 35. L’EuroPartitometro aiuta a individuare le differenze tra gli elettori dei partiti sulla base dei tratti che li contraddistinguono, con un approccio metodologicamente validato dall’Osservatorio Giovani dell’Istituto Toniolo.

COSA NON È
Il test non è un sondaggio e non ha fini di previsione dell’esito delle elezioni.

LE DOMANDE POSTE
Un’ampia e consolidata letteratura scientifica mostra come sul processo decisionale del voto agisca un insieme di dimensioni psicologiche, valoriali, morali, etiche e comportamentali. Shalom Schwartz nel 1992 ha validato una scala a 41 item che misura i “Core Political Values”, ovvero quei tratti e valori che hanno un ruolo di rilievo nel descrivere le peculiarità dei diversi schieramenti politici e che guidano l’elettore spesso più dei contenuti specifici del programma elettorale contingente. Tale approccio è stato poi adattato e aggiornato per l’Italia da Vittorio Caprara (2006). Il modello di base utilizzato è quello prototipico dei sistemi valoriali di Schwartz e Caprara, completato con una serie di domande costruite ad hoc e scelte tra circa 80 quesiti testati possibili, più vicine alla scena politica italiana contemporanea e maggiormente discriminanti per la caratterizzazione delle diverse forze politiche.

METODOLOGIA
La distanza tra l’utente e ogni partito è determinata da una mappa di posizionamento dei partiti, realizzata mediante una Categorical Principal Components Analysis sulle dimensioni di interesse. La mappa rappresenta, in uno spazio bi-dimensionale, il posizionamento dei partiti rispetto a specifici tratti. È importante sottolineare che la “distanza” non è da intendersi tra l’utente e il partito in sé, quanto tra l’utente e il profilo medio degli elettori che si riconoscono nel partito, dal momento che è realizzata sulle risposte dei cittadini con diritto di voto e non sulle opinioni di esperti, o desunte dai programmi dei partiti, o sulle indicazioni di esponenti/leader delle forze politiche. Il posizionamento dell’utente è dato da una combinazione lineare delle risposte standardizzate su scala z (pesate per i baricentri degli item nelle due dimensioni) e indica la prossimità/affinità del rispondente con il profilo dell’elettore tipo di ciascun partito/movimento. In tal senso il modello è totalmente data-driven, e non è guidato da nessun elemento di soggettività.

IL CAMPIONE DI BASE
Il modello Categorical Principal Components Analysis è stato stimato a partire dai dati di un campione rappresentativo di oltre 1500 giovani italiani di età compresa tra i 18 e i 35 anni. I dati sono stati raccolti all’interno di un’indagine condotta da Ipsos per l’Osservatorio Giovani tra il 30 aprile e il 3 maggio 2019. 1400 soggetti sono stati usati come training set e 100 come test set. Inoltre il modello è stato testato su circa 100 elettori di differenti età per un’ulteriore ponderazione delle risposte, al fine di massimizzare l’efficienza della previsione.

Prova anche tu cliccando qua