Un ricordo di Armida Barelli a Castelnuovo Fogliani

Un’Amica dell’Università Cattolica di Reggio Emilia ha custodito nei ricordi di famiglia una fotografia scattata a Castelnuovo Fogliani, in diocesi di Piacenza – Bobbio, che ritrae il padre in occasione di un convegno con Armida Barelli e altri prestigiosi ospiti.

Sul retro della fotografia è riportato l’anno: 1947.

E’ riconoscibile al centro, seduto in poltrona, mons. Giovanni Urbani che nel 1945 fu scelto da Papa Pio XII quale segretario della Commissione episcopale per lo studio dello statuto dell’Azione Cattolica e della Commissione per il coordinamento delle opere cattoliche. Un anno dopo lo stesso Pio XII lo elesse Vescovo titolare di Assume (ora soppressa), nominandolo Assistente Ecclesiastico Generale dell’Azione Cattolica. Nel 1948 venne promosso alla dignità arcivescovile. Al suo fianco, a destra, Armida Barelli.

Giorgio La Pira è nella stessa fila, il secondo a sinistra di mons. Urbani. Dichiarato venerabile da Papa Francesco nel 2018, fu il Sindaco “santo” di Firenze dal 1951 al 1957 e dal 1961 al 1965.

Giuseppe Lazzati è il secondo uomo seduto a destra di Armida Barelli. Nel 1946, per il partito della Democrazia Cristiana, Lazzati venne eletto consigliere comunale a Milano, deputato all’Assemblea Costituente e membro della direzione centrale. Insieme con Giuseppe Dossetti, Giorgio La Pira e Amintore Fanfani, chiamati “i professorini”, pur non facendo parte della commissione dei 75, contribuisce alla elaborazione della Carta Costituzionale. Venne eletto deputato del Parlamento della nuova Repubblica e restò in carica dal 1948 al 1953. Fu Rettore dell’Università Cattolica dal 1968 al 1983.

Giuseppe Dossetti, vicepresidente della DC nel 1945 e nel 1950, è riconoscibile in quarta fila, a destra, con la giacca sulle spalle e gli occhiali. Accanto a Dossetti, sulla sinistra, dietro la ragazza con le lunghe trecce, si trova Valentino Morini, Presidente diocesano di Azione Cattolica a Reggio Emilia dal 1945 al 1950, padre di Maria Ginevra ed Elisabetta che hanno fatto pervenire all’Istituto Toniolo la scansione della fotografia.

Sul retro le firme:

L’elenco dei nomi in blu è stato scritto da Valentino Morini, così come in nero gli incarichi sotto le firme di mons. Urbani, Barelli, Pallavicino e Veronese.

Scrive Maria Ginevra: “Il Dossetti che ha firmato la foto si chiamava Giuseppe ed è stato uno dei padri costituenti. Oggi è ancora attivo suo nipote omonimo: don Giuseppe Dossetti, 80 anni, parroco di San Pellegrino qui a Reggio. Il papà di don Giuseppe era collega di mio padre al Liceo e le nostre famiglie erano amiche. Ogni tanto ci riunivamo in casa Dossetti per giocare insieme tutti noi bambini, mentre i due papà chiacchieravano tra loro vicino alle mamme buone amiche”.

La Marchesina Teresa Pallavicino, Presidente diocesana di Azione Cattolica a Modena, e Carlo Carretto, presidente della G.I.A.C. (Gioventù Italiana di Azione Cattolica) nel 1946, sono riconoscibili nella fotografia a destra di Armida Barelli. Vittorino Veronese fu presidente di Azione Cattolica dal 1946 al 1952.

Ringraziamo la famiglia Morini residente a Reggio Emilia per aver condiviso la preziosa fotografia dell’archivio privato; Giuseppe Adriano Rossi, studioso della storia della Chiesa reggiana, che sta svolgendo una ricerca presso l’archivio diocesano sulle testimonianze circa le visite di Armida Barelli; Sara Iotti, Presidente diocesana di Azione Cattolica a Reggio Emilia, per la collaborazione. Ringraziamo la Curia per la disponibilità a fornire la documentazione esistente.

Condividi

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Altre News che potrebbero interessarti

Costruiamo laboratori di pensiero

L’Istituto Toniolo ha organizzato l’incontro nazionale dei Delegati e degli Amici, dal 5 al 7 aprile 2024, per proporre spazi di confronto e approfondimento in

Laboratorio Giovani “Credere domani”

Il Laboratorio Giovani “Credere domani”, promosso dagli Istituti Superiori di Scienze Religiose di Verona e dell’Emilia, è una iniziativa residenziale rivolta ai responsabili delle diocesi coinvolte,