100 storie per 100 volti: Alberto Ratti

«Oggi, più di ieri, credo che abbia ancora senso un ateneo che si definisce «cattolico”: fin dalle sue origini ha avuto – come disse una volta Giovanni Paolo II – l’obiettivo fondamentale di «studiare l’uomo con i suoi più autentici ideali» e di testimoniare la possibile amicizia tra l’intelligenza e la fede, che trasmette lo sforzo costante di saper guardare avanti, coniugando una solida e preparata maturazione nella fede con la crescita nello studio e l’acquisizione del sapere scientifico. Negli intendimenti di chi l’ha pensata e fortemente voluta, la Cattolica ha il compito di essere il luogo dove gli uomini e le donne di domani possano formarsi per migliorare i rapporti sociali e politici esistenti e per costruire “la città dell’uomo a misura d’uomo”. Questo è il pensiero di Alberto Ratti, Vicedirettore del Collegio Ludovicianum dal 2015 al 2017.

Clicca qui per conoscere altre “voci”.

Vincenzo Aimo

Federica Bove

Stefano Saldi

Patrizia Sanpietro

Angela Marra

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Altre News che potrebbero interessarti

Al via il concorso Romanae Disputationes

L’Aula Magna dell’Università Cattolica, martedì 21 settembre, ha ospitato la lezione inaugurale della decima edizione del concorso nazionale di filosofia Romanae Disputationes 2023 sul tema